Banner Scopri il Casoncello di Barbariga - Brescia

i Desenzano del Garda

Definita la capitale del Lago di Garda, Desenzano era già nel Quattrocento uno dei maggiori mercati cerialicoli della provincia di Brescia. Oggi si presenta come un’elegante e vivace cittadina collocata sulla sponda sud-occidentale del Benaco.
L’economia di Desenzano Del Garda è principalmente legata  al turismo e alle attività agricole, industriali e artigianali dell’entroterra.
Le origini del borgo sono molto antiche e secondo la tradizione locale il toponimo “Desenzano” deriverebbe da un legionario romano chiamato Decentium.
Il territorio è attraversato dalla linea ferrovia Milano-Venezia sulla quale è ubicata la stazione di Desenzano dove fermano treni regionali e nazionali garantendo collegamenti diretti giornalieri.

  • Abitanti: 27.0 11
  • Altitudine: 67  m  s.l.m.
  • Superficie: 60,10 km2
  • Provincia: Brescia

Cenni storici

Gli scavi condotti nel XIX secolo portarono alla luce resti palafitticoli risalenti all’età del bronzo. Anche i ritrovamenti di epoca romana sono numerosi, tra i quali spicca la Villa eretta tra il II e il III secolo d.C. , oggi visitabile. L’abitato si sviluppò proprio attorno alla dimora romana.
Nel XII secolo venne eretto il castello e Desenzano fu dottoposta al potere del comune di Brescia. Nel 1426 la città entrò a far parte delle Repubblica Veneta. Desenzano fu sede del mercato del grano e divenne un punto di riferimento per il commercio per tutto il territorio gardesano.
Durante il ’500 Desenzano attraversò anni di assedi, saccheggi, pestilenze e dissidi per la volontà di rendersi indipendente da Venezia. Caduta Venezia ad opera di Napoleone, la cittadina venne assorbita dalla provincia di Brescia e ai primi dell’800 diventò Comune. Desenzano fu bombardata nel corso delle due grandi guerre.

Cosa vedere a Desenzano del Garda

Duomo di santa Maria Maddalena, consacrato nel 1661, è considerato il più fulgido esempio di stile tardorinascimentale della provincia di Brescia. L’interno conserva importanti dipinti tra cui l’Ultima Cena del Tiepolo, alcune opere del Celesti, di Palma il Giovane, di Zenon Veronese. Un raro ritratto di Sant’Angela Merici ad opera di Alessandro Bonvicino, detto il Moretto è esposto in sacrestia.
Chiesa di San Biagio, in località Rivoltella
Chiesetta di S. Maria di Senioribus
Chiesa di San Giovanni Decollato in Capolaterra, all’interno troviamo dipinti di Bertanza, Belanda, Campi e di Jan de Herdt

Il castello

Adiacente a piazza Garibaldi, il castello di Desenzano si trova nella parte nord del Paese, in posizione dominante. Ampliato nel 1472 venne utilizzato per albergare i distaccamenti di passaggio. Di proprietà del Regio Demanio, passò al Comune nel 1969. Nel 2007 si completò la ristrutturazione, che restituì splendore e decoro al castello, oggi sede di numerose rappresentazioni teatrali, spettacoli e presentazioni.

Porto Vecchio, cuore pulsante della vita economica  e sociale della cittadina per molti secoli, venne costruito all’epoca della repubblica Veneta. Oggi ospita piccole barche da diporto.

Piazza Malvezzi, progettata in parte dall’architetto Giulio Todeschini, presenta edifici di impianto sanmicheliano che si affacciano sul porto.

Piazza Matteotti è un grande spazio pedonale che ospita l’imbarcadero. Sulla piazza si affaccia l’Hotel Splendid Mayer, forse il primo albergo del Garda e luogo di sosta di nomi noti della politica e della cultura già dal 1600.

Piazza Garibaldi, nella frazione di Capolaterra, ospita monumneti alle forze armate e possiamo vedere nelle vicinanze Palazzo Baresani, restaurato nell’Ottocento e che presenta una notevole facciata in stile Liberty e che nel 1862 ospitò Giuseppe Garibaldi.

Palazzo Todeschini,  edificio del 1580 circa, con quindici arcate in pietra a bugne, ora prestigiosa sede convegnistica affacciato su uno dei più caratteristici porticcioli del Garda.

Numerosi i palazzi nobiliari: palazzo Leoni-Andreis (sec. XVI); palazzo Bevilacqua (secoli XVI e XVII); palazzo Bagatta (sec. XVII e XVIII); palazzo Gialdi-Pozzi (sec. XVI); i due palazzi Andreis (sec. XVII e XVIII); palazzo Locatelli-Isonni, (1786); palazzo Alberti-Parini; palazzo Manzini (sec. XVIII-XIX).

Luoghi da visitare a Desenzano del Garda

Complesso Monumentale di San Martino della Battaglia
La maestosa torre panoramica eretta a memoria della battaglia del 24 giugno 1859 è visitabile in tutta la sua altezza. All’interno è possibile ammirare gli affreschi con episodi del Risorgimento.

Villa Romana
La villa romana costituisce uno degli edifici residenziali di età tardoromana meglio conservati dell’Italia settentrionale. All’interno è possibile ammirare gli splendidi mosaici ancora ben conservati.

Museo Civico Archeologico “Giovanni Rambotti”
Il Museo Archeologico di Desenzano è intitolato a Giovanni Rambotti, preside dello storico Liceo Bagatta. Inaugurato nel 1990 offre un ampio panorama delle culture preistoriche che popolarono il territorio benacense.
L’attuale sede del museo è il Monastero di S. Maria del Carmine che presenta una chiesa intitolata a Santa Maria de Senioribus, oggi sconsacrata. Il chiostro, risaltente alla seconda metà del 1500 ha pianta quadrata e presenta cinque arcate per lato e venti colonne.

Eventi ricorrenti

Notte d’Incanto
Ogni anno nel sabato della settimana di Ferragosto si celebra la notte d’incanto, tradizione che da 25 anni anima il porto Vecchio di Desenzano e che comincia con una sfilata in costume che dà il via alla posa dei lumi, colorati lumini di carta che galleggiano sul pelo dell’acqua creando suggestive atmosfere. A seguire un’emozionante spettacolo pirotecnico.

Festa dell’Ospite
A Rivoltella la Festa dell’Ospite, organizzata da più di 40 anni dall’associazione Cuori Ben Nati, partecipata ad ogni edizione da numerosi avventori, attirati dai piatti tipici locali e dalle occasioni di svago e divertimento

Mercatino dell’antiquariato
Ogni prima domenica del mese, Piazza Malvezzi ospita espositori di modernariato e antiquariato.

Sport

Desenzano ospita la boa di passaggio della famosa regata internzionale Centomiglia, appuntamento da non mancare per tutti i velisti. Gli appassionati posso seguire facilmente i passaggi delle imbarcazioni anche da terra.

La capitale del Garda è tappa del campionato delle Bisse, gara remiera che si tiene ogni anno fra tradizionali imbarcazioni da voga veneta. L’imbarcazione vincitrice ottiene il trofeo simbolico Bandiera del Lago.

Nomi noti legati a Desenzano del Garda

  • Sant’Angela Merici, fondatrice dell’ordine delle Orsoline nel 1535
  • Angelo Anelli, librettista che lavorò anche con Rossini, scrivendo per lui il libretto de L’Italiana in Algeri
  • Bartolomeo Venturini, patriota e direttore del Collegio Bagatta
  • Cesare Dominiceti, compositore
  • Giosuè Carducci, poeta, fu più volte Regio commissario per gli esami di maturità al Liceo Bagatta
  • Giuseppe Garibaldi, condottiero e patriota italiano, soggiornò presso palazzo Baresani
  • Achille Papa, generale medaglia d’oro al valor militare, riposa nel Sacrario Militare di Oslavia, nella città di Gorizia.
  • Giuseppe Malvezzi, patriota
  • Marco Borciani, motociclista
  • Guido Nicheli, attore
  • Mariastella Gelmini, ministro della pubblica istruzione
  • Le Snobs, gruppo vocale noto negli anni ‘60

Prodotti tipici di Desenzano del Garda

Principe della cucina gardesana è il pesce di lago: carpione, trota, coregone, carpa, tinca, luccio, anguilla e persico sono le varietà più apprezzate e che si possono gustare in quasi tutti i ristoranti che circondano il lago. Antiche ricette vengono rivisitate accostando i sapori tradizionali del Garda e offrendo piatti prelibati per tutti i buongustai.

Area sosta camper

Parcheggio a pagamento sul tetto dell’autosilo in via Gramsci.

Area attrezzata a pagamento Camping San Francesco
Strada vicinale San Franceso
25015 Desenzano (BS) Italy

Informazioni

A.P.T. DESENZANO Via Porto Vecchio, 34 25015 Desenzano del Garda Tel. 030.9141510 Fax 0309.144209