Banner Scopri il Casoncello di Barbariga - Brescia

Preistoria Viva!

“Preistoria Viva!“ al Museo di Nadro (Ceto, BS)

Tra cinema, archeologia sperimentale e degustazioni

Preistoria Viva! al Museo di Nadro (Ceto, BS)

Entra subito nel vivo la programmazione al Museo di Nadro (Ceto, BS), dopo i due mesi di chiusura per lavori di riallestimento, con l’evento intitolato, per l’appunto, “Preistoria Viva!” che si svolgerà sabato 26 febbraio 2022 a partire dalle ore 16 e che darà l’occasione ai visitatori di rivivere letteralmente la vita quotidiana al tempo dei Camunni, attraverso la proiezione di due cortometraggi, l’incontro con attori e autori dei medesimi, e dimostrazioni di tecniche preistoriche come la tessitura e la ceramica, oltre che attraverso la degustazione del vino rosso delle Rocche dei Vignali chiamato “Camunnorum”.

Questo il programma dell’evento nel dettaglio

Alle h16 nella “Sala Cinema”: proiezione dei documentari “I VASI DI UELAI” (durata 8’) e “ LO SCIALLE DI ESTHIAU” (durata 9’30’’) sulla ceramica dell’età del bronzo e sulla tessitura nel neolitico prodotti da Zamenhof Art con la collaborazione di ArchExperience che ha realizzato da reperti i manufatti che compaiono nelle scene e che arredano due sale completamente rinnovate del Museo (la sala Tessitura e la sala Ceramica) (nota 1)..

Alle h16;30: incontro con protagonisti e autori dei due cortometraggi. Saranno presenti le interpreti Eliza Winkler, Angelita Mattioli e la piccola Violalisa Maffeis, il direttore della fotografia Graziano Filippini, l’autore delle musiche originali Mirko Boroni, il regista Virgilio Patarini.

Alle h17 nelle salette Tessitura e Ceramica: dimostrazione di ceramica e di tessitura preistorica a cura di Eliza Winkler. I presenti potranno non solo vedere ma anche cimentarsi, volendo, negli arcani gesti dell’intrecciare tessuti o del modellare argilla con la tecnica a “colombina”.

Dalle h17;30 nella zona bar: degustazione del vino rosso “Camunnorum”, una delle eccellenze delle Rocche dei Vignali di Losine e in generale dell’arte vinicola camuna.

Bar aperto e sale Tessitura e Ceramica, corredate dei due video e dei reperti ricostruiti, visitabili.

Contemporaneamente in “Area 42”, ovvero la parte del Museo situata al civico 42 di via Piana, di fronte all’ala del Museo dove sono le salette Tessitura e Ceramica e la sala “cinema”, saranno visitabili le mostre personali d’arte contemporanea dell’artista pugliese Angela Consoli (piano terra), della fotografa romana Gaia Adducchio (primo piano) e della pittrice friulana Alessandra Sanvito (secondo piano), protagoniste della Rassegna “Femminile Singolare”.

Ingresso euro 10 tutto incluso: biglietto Museo, biglietto Riserva Incisioni Rupestri (valido un mese), tessera e degustazione (ingresso secondo l’attuale normativa vigente)

Qui di seguito i links dove visionare in anteprima un promo di presentazione del Museo, i trailer dei due documentari e a seguire una breve descrizione dei due cortometraggi, cast ecc. con i links dove vedere i due video integralmente.

Promo di presentazione del Museo di Nadro (durata 1’30’’): https://youtu.be/sbAc-kBC570
Trailer “Lo scialle di Esthiau” (durata 30’’): https://www.youtube.com/watch?v=7o6ygYzyVQU
Trailer “I vasi di Uelai” (durata 30’’): https://www.youtube.com/watch?v=S0od-sOeuA0

LO SCIALLE DI ESTHIAU (durata 9’30’’)

Per vedere il documentario in anteprima: https://youtu.be/rrb8-A4czb4

In era neolitica, in una capanna, una donna costruisce un telaio e con l’ausilio di questo tesse uno scialle per la sua bambina. Nel breve documentario si vedono tutti i passaggi salienti: la ricerca dei tronchi e dei legni per la costruzione del telaio lungo il fiume, la loro lavorazione con pietra di selce, l’assemblaggio, la costruzione in terracotta dei pesi, la stesura dei fili dell’ordito, dei licci, e infine il passaggio del filo della trama fino alla tessitura completa dello scialle.

Personaggi e interpreti: Donna – Eliza Winkler; Bimba – Violalisa Maffeis. Sceneggiatura e regia: Virgilio Patarini con la consulenza tecnico-scientifica (archeologia sperimentale) di Eliza Winkler. Direttore della fotografia e riprese: Graziano Filippini. Musiche originali: Mirko Boroni. Montaggio: Alessandro Baito. Scenografie (interni) a cura di Zamenhof Art. Abiti di scena: Eliza Winkler. Oggetti di scena a cura di ArchExperience. Riprese effettuate presso il Museo di Nadro e la Riserva Naturale di Incisioni Rupestri di Ceto, Cimbergo e Parspardo. Produzione Zamenhof Art – Camunication TV , dicembre 2021/gennaio 2022 Tutti i diritti riservati

I VASI DI UELAI (durata 8’)

Per vedere il documentario in anteprima: https://youtu.be/BquhwdTEXSM

Durante l’età del bronzo, in un villaggio, un gruppo di tre artigiani realizza una serie di vasi di terracotta.

Nel breve documentario si vedono tutti i passaggi salienti: la ricerca dell’argilla lungo il fiume, la sua essiccazione, la frantumazione, l’impasto, la lavorazione e la realizzazione dei vasi con la tecnica a colombina, l’essiccazione, la levigatura “a cuoio”, lo scavo di un “forno” a terra, la cottura

Personaggi e interpreti: primo artigiano-Virgilio Patarini, seconda artigiana – Eliza Winkler, terza artigiana – Angelita Mattioli. Sceneggiatura e regia: Virgilio Patarini con la consulenza tecnico-scientifica (archeologia sperimentale) di Eliza Winkler. Direttore della fotografia e riprese: Graziano Filippini. Musiche originali: Mirko Boroni. Montaggio: Alessandro Baito. Scenografie (interni) a cura di Zamenhof Art. Abiti di scena: Eliza Winkler. Oggetti di scena a cura di ArchExperience. Riprese effettuate presso il Museo di Nadro e la Riserva Naturale di Incisioni Rupestri di Ceto, Cimbergo e Parspardo. Produzione Zamenhof Art – Camunication TV , dicembre 2021/gennaio 2022. Tutti i diritti riservati

Nota 1: Il progetto e coordinamento degli interventi di riallestimento e risistemazione del Museo è del Centro Camuno di Studi Preistorici, le ricostruzioni ed i video sono stati prodotti da Archexperience ed Zamenhof Art.; gli interventi sono stati possibili grazie al contributo dell’Assessorato all’Autonomia e Cultura di Regione Lombardia.